archivio

words

img_20170214_102918190

M’a dit

Que c’est si beau

Que ça fait mal

Voler

Et quand le vent

Repousse ses os en paille

Il se replie

Comme ça

C’est la lame froide qui le caresse.

Il m’a dit

“Dis-lui que tu es triste,

car la tristesse on la partage.

Et que je l’aime.”

Che la tua fragilità

ti renda bello e che

la renda forte il suo sorriso,

si augurarono tutti con fedi diverse,

ballando per loro su un’umida chiazza

di frantumi di vetro, ognuno

con suole più o meno sottili

Ringrazio

quella misteriosa ragazzina di 14 anni

che aiutò Abdel a portare le buste pesanti della spesa

così lui oggi

vedendomi

ha portato la mia pianta di plastica

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: